SAN VALENTINO LE 5 CITTA’ PIU’ ROMANTICHE

San Valentino sta arrivando e voi non volete certo farvi trovare impreparati!

Che ne dite quest’anno di programmare un bel viaggio?
Se vi state domandando dove andare per stupire il vostro o la vostra partner questa è la lista delle 5 città più romantiche per San Valentino.
1) Gradara (PU) famosa per l’immortale episodio raccontato da Dante nella Divina Commedia, quello di Paolo e Francesca. I due innamorati morti per la loro passione. I due furono infatti scoperti l’uno nelle braccia dell’altro da Giangiotto, signore di Gradara, fratello di Paolo e marito di Francesca, che li uccise per gelosia. Il piccolo borgo medievale a pochi chilometri da Pesaro è il luogo perfetto per un weekend rilassato e tranquillo alla scoperta della campagna e della storia delle Marche.Dal 13 al 15 febbraio tutti i ristoranti di Gradara offrono menu speciali per coppie.
2) Bruges – Belgio è una delle città più belle e poetiche del Belgio. È patrimonio dell’UNESCO e, per via dei suggestivi canali e degli stupendi edifici del XV secolo perfettamente conservati, è anche chiamata la “Venezia del Nord”. Passeggiate per le tranquille vie del centro e noleggiate una barca per un giro nei canali e se manca ancora un po’ di dolcezza per sfiorare il diabete, abbuffatevi con il miglior cioccolato del mondo.
3) Teruel – Spagna San Valentino è celebrato ogni anno al “Mausoleo degli innamorati” di Teruel. Qui giacciono le statue di due amanti, Juan Diego Martínez de Marcilla e Isabel Segura, anche chiamati “gli amanti di Teruel”. La leggenda narra di come Diego e Isabel, che si amavano sin dalla tenera età, furono separati perché appartenenti a due classi sociali differenti. Diego partì per far fortuna e poter chiedere la mano di Isabel, ma quando tornò dopo 5 anni, Isabel era già sposata. Diego le chiese un ultimo bacio, ma Isabel per rispetto di suo marito rifiutò, e Diego morì all’istante con il cuore in frantumi. Isabel realizzò quanto aveva fatto, si avvicinò al corpo esanime di Diego, lo baciò e morì tra le sue braccia.
4) Vienna – Austria E’ la città dove è esposto “Il bacio” di Klimt è una delle mete romantiche preferite da tutti gli amanti in ogni angolo d’Europa.Se siete amanti dell’arte non può mancare una visita al museo del Palazzo Belvedere, dove sono esposte le opere di noti artisti quali Schiele, Kokoschka e soprattutto il famoso Bacio di Klimt.Una fuga romantica che si rispetti è sempre accompagnata da una cenetta gradevole, intima, che soddisfa i cuori e i palati. A Vienna non sarà difficile trovare un posto all’altezza delle vostre aspettative.
5) Lisbona la calda e colorata Lisbona è forse una meta non annoverata fra quelle più romantiche, ma a torto: ci sono tanti vicoli intricati dove camminare stretti stretti, sulle note di un Fado appassionato, verso la torre di Belem mangiando i famosi pasteis de Belém. Di dolcezza ce n’è a volontà.

ASSICURAZIONE SI O NO?

Tanti di voi, ogni volta che prenotano un viaggio aereo od una vacanza, si trovano spesso davanti alla scelta di fare o meno una assicurazione per il viaggio.

Se viaggi in un Paese dell’Unione Europea per le emergenze è sufficiente la tua tessera sanitaria.

Ma fuori da questo contesto, stipulare una polizza assicurativa è necessario.

In Asia le spese mediche per disturbi blandi non sono altissime, ma potresti arrivare ad affrontare cifre impegnative in strutture private in cui si pagano degenza ed esami (in molti Paesi non è immaginabile andare in un ospedale pubblico).

La situazione si complica in Paesi dal costo della vita più alto , come Stati Uniti o Australia, e si rende ancor più necessaria un’assicurazione almeno sulla salute prima di partire.

Tieni sempre presente i massimali della tua polizza soprattutto se devi viaggiare in uno di questi Paesi, non vale la pena risparmiare pochi euro se poi in caso di urgenza ci sono da sborsare migliaia di dollari!

Spesso quando si acquista un’assicurazione di viaggio è possibile scegliere l’opzione “zero franchigia”: ciò significa che l’assicurazione pagherà per te o ti rimborserà nei casi previsti per qualsiasi somma, anche minima.

Spesso bastano davvero pochi euro in più per risparmiare ulteriormente in caso di imprevisti.

Se viaggi abbastanza leggero senza nulla di particolare valore non credo serva stipulare un’ulteriore assicurazione bagagli, se voli infatti la tua compagnia aerea garantisce già una copertura per smarrimento bagagli per mancate coincidenze in volo e simili e provvede a consegnarteli una volta arrivati a destinazione.

Il consiglio finale è che assicurarsi è meglio!!!!

IL CARNEVALE

 

L’origine della festa del carnevale è molto antica: Babilonesi, Ittiti, Fenici ed Egiziani cercavano in tal modo di onorare i propri dèi. Greci e Romani adoravano il dio del vino.

Con l’Imperatore Costantino e il cristianesimo dichiarato religione ufficiale, il carnevale fu definito una festa pagana e bandita come festività.

Nel tempo, le usanze del carnevale tornarono ad emergere, e la chiesa cattolica fece un compromesso, e dichiarò che potevano partecipare al carnevale solo coloro che erano disposti a digiunare quaranta giorni prima della Pasqua.

Poco a poco il carnevale “perse” ogni legame con la religiosità per diventare una festa popolare, un periodo di tempo (una settimana) nella quale era permesso fare di tutto per poi ritornare alla civiltà e al buon gusto.

Oggi il carnevale è quel periodo che precede la quaresima ed è celebrato con feste mascherate, sfilate di carri allegorici, danze e baldorie.

Il carnevale termina con grandi feste e cerimonie il giorno di martedì grasso (mardì gras), che precede il mercoledì delle ceneri, primo giorno di Quaresima.

In Italia ci sono alcuni dei carnevali più belli del mondo, come il carnevale di Venezia, il carnevale di Viareggio e il Carnevale di Foiano.

Il carnevale non è solo un’origine italiana, ma si espande anche nel resto del mondo.

Fra i carnevali più celebri del mondo ricordiamo quello di Nizza, le cui origini si perdono nel tempo.

Ogni anno, nella città, meta di numerossissimi turisti, si svolgono le sfilate di carri e di maschere e soprattutto le caratteristiche “battaglie di fiori”.

I fiori infatti sono l’elemento principale di questo Carnevale e in particolare delle feste che si svolgono nei giardini Alberto I, tutti i giorni, escluso il sabato.

In Germania, particolarmente caratteristico è il Carnavale che si celebra a Colonia: inizia il giorno 11 novembre alle ore 11 e 11 minuti esatti, con la nomina del Principe, del Fante e della Vergine, i tre personaggi principali delle feste.

Solo il giovedì grasso essi però scenderanno tra il pubblico a dare il via alle celebrazioni. Questa giornata è interamente deicata alle donne, che dominano nelle case, negli uffici e nei negozi.

Prendono il comando della città e possono permettersi ogni libertà nei confronti dell’uomo. Mascherate, catturano i loro compagni, considerati per l’occasione veri e propri nemici e, come svolgessero una specie di rito, tagliano loro la cravatta.

In Danimarca a Dragor, un piccolo centro vicino a Copenaghen, durante il Carnevale si tiene una gara per eleggere il “re dei gatti”.

Alcuni giovani in costume e a cavallo cercano di colpire una botticella appesa tra due pali con una mazza: un tempo dentro la botticella veniva chiuso un gatto, oggi sostituito con dolci e premi per il cavaliere che per primo riesce, con un solo colpo di mazza, a rompere la botticella.

In Grecia il Carnevale più prestigioso è quello che si tiene a Pratasso: dura tre settimane con sfilate floreali e sontuosi balli in maschera.

Caratteristiche sono le battaglie della cioccolata: alcune ragazze in costume, sopra cocchi decorati con fiori, gettano sul pubblico petali e dolci; tutt’intorno risuonano le musiche eseguite da bande.

La maschera principale del Carnevale di Pratasso è il “domino nero”, ampio mantello con cappuccio, derivato dal Carnevale di Venezia, da dove venivano importate lussuose sete nere da indossare in questa occasione.

In Sudamerica il Carnevale ha sempre rappresentato un avvenimento di eccezionale importanza per le popolazioni, soprattutto per quelle più povere e più legate alle tradizioni.

Bahia, stato del Brasile orientale, e la città di Rio de Janeiro si contendono l’onore di essere stati la culla del Carnevale brasiliano: oggi si tende a pensare che nato a Bahia, sia stato in seguito trasportato a Rio.

La sua origine è comunque legata ad antichissime tradizioni del luogo e solo in seguito sono stati inseriti i carri allegorici, le maschere che lanciano fiori, i cortei, come in Europa. Il Carnevale brasiliano è comunque basato sulla musica e sulla danza, eseguita da gruppi di maschere.

BREXIT: cosa cambia

La Gran Bretagna, storicamente permissiva a livello di ingressi frontalieri, non ha mai aderito alle regole di Schengen sulla circolazione degli individui.
Ne ha però da subito adottato i punti principali.

Di fatto, per entrare in territorio britannico è sufficiente la Carta d’identità (o il Passaporto), valida per tutta la durata del soggiorno.
Continua a leggere “BREXIT: cosa cambia”

SPECIALE GIAPPONE FIORITURA DEI CILIEGI

Ogni anno in primavera i giapponesi si riuniscono in parchi e in alcune località per fare Hanami, cioè ammirare la fioritura dei ciliegi che in giapponese si chiamano Sakura.

E’ un momento che i giapponesi hanno molto a cuore e tutti attendono il periodo di massima fioritura, che è seguito dal malinconico cadere dei petali che fa ricordare a tutti il tempo che passa. Continua a leggere “SPECIALE GIAPPONE FIORITURA DEI CILIEGI”