La Cascata del Catafurco nel cuore della Sicilia

Si viaggia tanto e in tutto il mondo ma spesso si ignorano posti a noi molto vicini di rara bellezza che tutto il mondo ci invidia.

Uno di questi è certamente La Cascata del Catafurco un luogo da fiaba solo per pochi amanti del genere
La Sicilia nasconde angoli meravigliosi, uno delle quali è poco conosciuto
È la Cascata del Catafurco che si trova nel territorio di Galati Mamertino, vicino a Messina.

Nasce dal torrente San Basilio che, con l’azione erosiva delle sue acque, ha creato un luogo a dir poco da fiaba.

Per raggiungere la cascata, si deve attraversare il borgo rurale di Molisa, ricco di caratteristici rifugi di pagghiari (pastori), ricoperti di fascine di ginestra e realizzati in pietra. Una volta percorso un tratto in salita, si giunge alla spettacolare Cascata del Catafurco.

È uno salto alto 30 metri e, alla base, le acque si raccolgono nella “Marmitta dei giganti”, una cavità naturale scavata nella roccia e dove, nella bella stagione, è possibile fare il bagno.

L’ambiente, in questa zona, è particolarmente umido per via dell’abbondanza di acqua, il che comporta la presenza di capelvenere e muschi, che danno al paesaggio un aspetto ancora più fiabesco.

Lo valorizzano anche le fioriture di petagna, una pianta perenne presente soltanto in questa valle, annoverata tra le 50 specie botaniche dell’area mediterranea più a rischio d’estinzione.

Dall’area di Galati si accede anche ai boschi del Parco dei Nebrodi, che si trova poco più a Sud della cascata.

Seguendo poi alcune strade carrozzabili e trazzere e superando Portella la Lastra, si possono raggiungere anche i ruderi del Casotto di Don Custodio.

Da essi si estende la faggeta di Contrada Dagara, che si unisce con il bosco di Mangalaviti, una delle aree naturali più belle presenti sul suolo italiano.

Questo è uno dei tanti luoghi che rende l’italia uno dei posti più visitati al mondo.

 

I 5 grattacieli più alti del mondo

L’evoluzione tecnologica dell’umanità, nel corso dei secoli ha permesso di raggiungere obiettivi e limiti che negli anni precedenti erano reputati praticamente impossibili.

Grazie al progresso scientifico negli ultimi anni sono numerosi i progetti realizzati, specie nei paesi arabi, che hanno permesso di raggiungere altezze anche superiori ai 600 metri!
In verità, la volontà dell’uomo di costruire edifici sempre più alti è menzionata anche nel Capitolo XI della Genesi: il mito della Torre di Babele, nell’immaginario collettivo, è la metafora della presunzione dell’essere umano nel tentativo di raggiungere Dio, creando “un ponte” in grado di portare l’essere umano fin sul cielo.

La Torre di Babele è archeologicamente riconducibile alla Ziqqurat di Babilonia (Etemenanki), alta circa 90 metri. Di passi avanti evidentemente ne sono stati fatti! Ecco alcuni esempi.

 

1.Burj Khalifa L’edificio più alto ad oggi esistente nel mondo è il Burj Khalifa, ultimato nel 2010. Si trova nella città di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, ed è ufficialmente alto 829.8 metri. L’edificio conta 163 piani e la sua forma è molti simile ad un fiore di imenocallide, molto popolare a Dubai.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2.Shanghai Tower In seconda posizione troviamo la Shangai Tower, la cui costruzione è terminata solamente pochi mesi fa, nell’estate del 2015. Si tratta del più alto edificio cinese, alto 632 metri e con 128 piani. L’inaugurazione è prevista durante l’autunno di quest’anno. La torre è composta da nove cilindri installati uno sopra l’altro in modo da formare 9 zone interne che ospiteranno gli spazi per i visitatori

 

 

 

 

 

3.Hotel Tower (Abraj Al Bait) Terza invece la Hotel Tower del complesso Abraj Al Bait, in Arabia Saudita. Si tratta della torre con orologio più alta del mondo che ospita l’hotel più alto del mondo, terminato nel 2011. L’altezza dell’edificio è di 601 metri e conta 120 piani. Anche l’orologio detiene un record: è l’orologio da facciata più grande del mondo. Come se non bastasse, l’intero complesso è la più grande area di grattacieli mondiale, e si trova non molto distante dalla Masjid al-Haram, la più grande moschea del mondo.

 

 

 

4.One World Trade Center Dopo troviamo il One World Trade Center, negli Stati Uniti d’America. E’ l’edificio più alto del New World Trade Center, nato sulle macerie del vecchio WTC, dopo i tristi attentati dell’11 Settembre 2001. Terminato nel 2013 ed inaugurato nel 2014, con la sua altezza di 541,33 metri (1776 piedi, come l’anno della Dichiarazione d’Indipendenza degli USA), è l’edificio più alto dell’Emisfero Settentrionale.

 

 

 

5.Taipei 101 In quinta posizione, il famoso Taipei 101. Centouno come i piani dell’edificio che, alto 508 metri e realizzato nel 2004, vantava il record di edificio più alto fino a che negli anni successivi non venne surclassato dagli edifici menzionati sopra. L’edificio ha una forma a “bambù”, formata da 8 moduli posti uno sopra l’altro a partire da un basamento piramidale.

 

 

 

E’ in fase di realizzazione in Arabia Saudita, un edificio chiamato Kingdom Tower. Si prevede che la sua altezza effettiva, a realizzazione terminata, sarà di ben 1000 metri con 200 piani! L’edificio è in realizzazione dal 2012, e la conclusione dei lavori è stimata intorno al 2019. Il Burj Khalifa fino ad allora, sarà ufficialmente l’edificio più alto del mondo!

Gli Hotel più belli del mondo in cui soggiornare per una vacanza da sogno

Quando si fa una vacanza si spera sempre che sia indimenticabile e fuori dal normale.Una volta almeno nella vita ci si deve regalare una vacanza da sogno.
Un viaggio intorno al mondo ma solo in hotel lussuosi, tra i più belli e costosi. Hotel per tutti i gusti, nelle località a maggior attrazione turistica, che offrono servizi unici nel loro genere.

In comune tra di loro, anche se molto diversi per location, design e storia, è l’attenzione agli ospiti in ogni particolare: ambienti lussuosi, cornici di prestigio, camere da sogno, servizio impeccabile e una serie di extra che aiutano a sentire protagonisti di una favola.

Ice Hotel in Jukkasjarvi, Svezia

Composto da edifici permanenti e strutture stagionali, questo hotel di ghiaccio dista 1 km dal complesso abitativo di Jukkasjärvi, risalente al XVIII secolo, e dal centro di ecoturismo Nutti Sámi Siida, che ospita anche renne.

 

 

 

Conrad Maldives, Isola Rangali, Maldive

Sorge nell’Atollo di Ari, raggiungibile in idrovolante dall’aeroporto internazionale con un volo di 30 minuti.

 

 

 

 

 

Hotel Le Sirenuse, Costa Amalfitana, Italia

Ospitato all’interno di un elegante edificio, su una collina a strapiombo sul Mar Tirreno, questo hotel sofisticato per soli adulti dista 8 minuti a piedi dalla spiaggia di Marina Grande.

 

 

 

 

 

Hotel Ristorante Grotta Palazzese Polignano a Mare, Italia

Situato su una scogliera affacciata sul Mare Adriatico, l’hotel si trova a 3 minuti a piedi dalla Chiesa Matrice e a 10 km dal castello di Conversano.

 

 

 

 

Jade Mountain St. Lucia

Ubicato su 243 ettari di terreno su una lussureggiante collina tropicale, questo resort esclusivo affacciato sul Mar dei Caraibi dista 1 minuto a piedi dalla spiaggia di Anse Chastanet e 4 km dai giardini botanici St. Lucia Botanical Gardens.

 

 

 

Katikies Hotel Oia, Grecia

Arroccato sulle scogliere di Oia, 300 metri sopra le acque azzurre dell’Egeo, il Katikies Hotel offre 2 ristoranti, il Mikrasia e il Seltz Champagne Restaurant & Bar, e piscine a sfioro con vista spettacolare sulla Caldera.

 

 

 

 

Non tutti possiamo permetterci tanto lusso ma indubbiamente almeno possiamo permetterci di sognare, anche solo per qualche minuto, con queste foto spettacolari degli hotel più belli del mondo.

Il Parco di Hitachi in Giappone e i suoi 4,5 milioni di fiori coloratissimi

 

 

In Giappone, l’Hitachi Seaside Park, un’area di 190 ettari con fantastiche tipologie di fiori che sbocciano in ogni periodo dell’anno.
La più famosa è la “Nemophila” che nasce in primavera e precisamente nel mese di Aprile, donando un paesaggio straordinario con 4,5 milioni di fiori che ricoprono un’area vastissima, visibile anche da molti chilometri di distanza.
Questo territorio protetto e tutelato dallo stato è divenuto abbastanza conosciuto grazie a questi minuscoli fiori blu che attirano ogni anno numerosi turisti da tutto il mondo.

Questi adorabili fiori, appartenenti alla famiglia delle “hydrophillaceae”, sono noti anche come “baby blue eyes” per la loro tonalità di un azzurro intenso. Il punto esatto per poterli osservare è la collina Miharashi No Oka da cui si può ammirare tutta la sua massima espressione.

 

 

 

Per tutti coloro che hanno in programma di visitare il Giappone per la prossima primavera non dimenticate di andare a visitare questo fantastico parco di Hitachi che potete girare a piedi seguendo sentieri delineati tra i fiori, utilizzare anche delle bici con specifici itinerari oppure una piccola navetta.

Le 5 meraviglie del mondo costruite tra il XIX e XX secolo

Il mondo è qualcosa di meraviglioso in sé, la Terra presenta dei posti naturali spettacolari.
Nel corso degli anni, l’uomo ha costruito nell’intero globo, creando delle vere e proprie meraviglie.
in particoare cinque quelle costruite a cavallo tra il XIX e al XX secolo.

 

 

Torre Eiffel: è stata realizzata nel 1889 a Parigi su progetto di Gustave Eiffel (da cui prese il nome) in occasione dell’Esposizione Universale (commemorava il centenario della rivoluzione francese).
È considerato il primo grattacelo mai costruito: raggiunge i 324 metri di altezza (ultimo piano visitabile 280 metri) ed è divisa in tre livelli. Per salire in cima si possono salire i 1665 scalini o prendere uno dei due ascensori. È visitata mediamente ogni anno da circa cinque milioni e mezzo di turisti.

 

 

Statua della Libertà: si trova a New York e fu realizzata nel 1886 dallo scultore Frederic Bartholdi basandosi su un disegno che raffigurava il leggendario colosso di Rodi. Fu eretta per commemorare l’indipendenza degli Stati Uniti e il sostegno della Francia alla causa americana ed è diventata simbolo di libertà e speranza. Alta 93 metri, è costruita da una struttura reticolare interna in acciaio rivestita da 300 fogli di rame sagomati e rivettati insieme, che poggia su un basamento granitico. Raffigura una donna che indossa una toga e sorregge nella mano destra una fiaccola (simbolo di libertà), mentre nell’altra un libro con scritto la data del giorno dell’indipendenza americana (4 luglio 1776); ai piedi vi sono delle catene spezzate (simbolo della liberazione del potere sovrano) e in testa vi è una corona (le cui sette punte rappresentano i sette mari).

 

 

Canale di Panama: si trovo in America Centrale; la realizzazione del canale, iniziata nel 1903 e conclusa nel 1914 causa difficoltà ambientali, coronò il sogno di collegare l’oceano Pacifico all’Atlantico. Il canale lungo 81 chilometri circa e una profondità massina di 12 metri, si attraversano in 8 ore.

 

 

 

 

Transiberiana: la più lunga ferrovia del mondo fu realizzata in Russia nel 1904 per volere dello zar Alessandro III. Lunga 9.440 chilometri collega due continenti in sette fusi orari e corre da Mosca a Vladivostok attraverso la taiga siberiana.

 

 

 

 

Crystal Palace: è stato eretto nel 1851 a Londra: fu realizzato in ferro e in vetro su progetto di Joseph Paxton per ospitare la Grande Fiera delle Opere e dell’Industria di tutte le Nazioni, che si tenne presso l’Hyde Park di Londra; dopo l’evento il palazzo fu ricostruito in un sobborgo londinese ma nel 1936 fu distrutto da un incendio.

 

 

 

Questi sono solo 5, ma girando il mondo vi potrete imbattere in altre meraviglie naturali o opera dell’uomo…buon viaggio.

 

 

I 5 luoghi più estremi del Mondo

Appassionato di viaggi estremi? ecco i 5 luoghi più estremi del mondo!

 

Delle volte un luogo è “estremo” grazie alla natura che ha operato per secoli scavando nella roccia con corsi d’acqua, oppure grazie al vento. Altre volte anche l’uomo ci ha messo lo zampino creando luoghi “incantati”. In ogni caso certe meraviglie meritano di essere conosciute e visitate. Per questo vi mostriamo i 5 luoghi più estremi del Mondo.

 

1 – Gola Kali Gandaki, Nepal         

E’ il canyon più profondo del mondo. Il fiume che scorre tra queste rocce è antichissimo, ancora più della catena dell’Himalaya. Le acque nere del fiume, a causa del limo glaciale al loro interno, sono a dir poco spettacolari, quasi quanto la profondità esatta di questo canyon, che è ancora sconosciuta.Il punto più profondo del Kali Gandaki infatti ancora non si conosce, ma questo non toglie che, se si prende come riferimento l’altezza dei picchi più alti su entrambi i lati del fiume fino al suolo, la Gola Kali Gandaki è il canyon più profondo del Mondo.

 

2 – Fossa delle Marianne, Oceano Pacifico
Il primato del punto dell’oceano più profondo del Mondo va a Challenger Deep, un punto della Fossa delle Marianne nell’Oceano Pacifico. Questo punto è profondo ben 10.916 metri sotto il livello del mare, un vero record che fino ad ora non conosce rivali.

 

 

 

3 – Baia del Commonwealth, Antartide
Baia del Commonwealth, in Antartide, è il luogo inabitato più ventoso del Mondo. La Baia è stata scoperta nel 1912 e da quel momento le raffiche di vento che sono state costantemente misurate non sono mai scese sotto i 240 km/h.

 

 

 

4 – Oymyakon, Russia
Stavolta l’uomo c’entra, ma fino ad un certo punto. Oymyakon infatti è la città più fredda del Mondo.Gli abitanti si saranno abituati ad avere il terreno perennemente ghiacciato, ma se volete visitare la città attenti alla temperatura: la minima, che fino ad ora non è stata mai battuta in nessun altro luogo della Terra, è di -71°C. Niente paura però, se volete visitarla tra febbraio e marzo la temperatura si “riscalda”, aggirandosi intorno ai -50°C.

 

5 – Bishop Rock, Inghilterra
In Inghilterra c’è l’isola più piccola del Mondo. Con le sue misure (solo 46 x 16 metri) l’isola di Bishop Rock, situata a sud-ovest della Cornovaglia, durante il Medio Evo era il posto perfetto per imprigionare i detenuti. Oggi invece è una fantastica meta da visitare in pochissimo tempo.

 

 

Ovviamente queste sono solo alcune delle località pi estreme ma il mondo è pieno di luoghi estremi da visitare!!!!

buon viaggio…..

6 consigli utili per viaggiare comodi in aereo

Hai in programma un lungo viaggio?
ecco i nostri consigli per un viaggio più confortevole. Potranno sembrarvi della banalità, ma fidatevi che quando atterrerete vi renderete conto di quanto possano essere preziosi.

1. Capi comodi
Vi consigliano di indossare capi morbidi, come una tuta da ginnastica o dei pantaloni larghi.

2. Pasto gratuito? Sì, grazie!
Contatta la tua compagnia aerea in anticipo per sapere se offrono ancora pasti gratuiti e se è possibile richiedere un pasto speciale. Molte compagnie infatti offrono questo servizio che non può che rendere il vostro viaggio ancora più comodo

3. Usate la crema idratante a dosi massicce.

L’aria pressurizzata delle cabine, che corrisponde a quella che si potrebbe trovare attorno ai 2.000 metri di altitudine , disidrata la pelle senza che nemmeno ve ne rendiate conto e quindi mettete nel bagaglio a mano un tubo di crema multiuso (non superate i 100 ml. altrimenti ve la sequestrano al momento dei controlli) da spalmare generosamente sul volto, sulle mani

4. Prenota un buon posto.

Anche all’interno della stessa classe e tariffa alcuni posti sono di gran lunga superiori agli altri. Scegli un posto corridoio o accanto all’uscita d’emergenza se vuoi spazio per le gambe, o un posto finestrino se vuoi dormire. Cerca di evitare i posti vicino ai bagni/servizi igienici, perché gli altri passeggeri vi accederanno continuamente.

5. Bevi molta acqua ed evita gli alcolici.

Un piccolo trucco per godersi al meglio il volo è quello di bere molta acqua lentamente e ad intervalli regolari. Le cabine degli aerei sono di solito luoghi molto secchi e la possibilità di disidratarsi è molto elevata. Gli alcolici al contrario se in un primo momento possono esservi d’aiuto per rilassarvi sortiscono l’effetto opposto all’acqua e quindi vanno evitati.

6. Porti le lenti a contatto?

Se si per un volo lungo preferite sempre gli occhiali da vista, le lenti a contatto potrete sempre indossarle all’arrivo. Infatti a causa della scarsa umidità presente nelle cabine di volo i vostri occhi si seccano molto più in fretta

ecco alcuni consigli per viaggiare più felici!!!

Alla scoperta della Thailandia e delle sue festività

Chiamata la porta d’oriente, la Thailandia è uno dei paesi più sorprendenti, ricchi di fascino ed attrattiva per chi vuole scoprire un regno millenario.
Templi Buddhisti, fauna esotica, isole spettacolari ed una cultura ricchissima di storia e tradizione che ancora oggi permeano ogni luogo dal cibo vario ed invitante al benessere. La scoperta parte dalla capitale Bangkok il cui nome significa “città degli angeli”, dove la gente è amichevole tanto da far rinominare questa nazione la terra dei sorrisi

Prima di mettersi in viaggio è bene conoscere le festivit del paese che si intende visitare e la thailandia non fa eccezione

Maggio: giorno dell’incoronazione
Il 5 maggio si celebra l’incoronazione dell’amatissimo attuale Re RamaIX, salito al trono della nazione nel 1949.

12 Agosto: compleanno di sua Maestà la Regina
Per l’anno 2012 queste festività verrà celebrata il 13 agosto. In occasione del compleanno della regina, si celebra simbolicamente la festa della mamma.

28 Novembre: Loy Kratong
Quando la luna piena del dodicesimo mese lunare rischiara il cielo notturno, in tutto il Regno di Thailandia, centinaia di migliaia di krathong finemente decorati, ossia tradizionali lanterne galleggianti, fatte con foglie di banano, vanno alla deriva lungo fiumi e corsi d’acqua in un’incantevole cerimonia chiamata Loi Krathong – il “Festival delle Luci”. In questa occasione, la gente si raduna nelle località bagnate da fiumi più famose del paese, per offrire il “krathong” (una piccola barca fatta con candele, fiori ed incenso) presso il fiume, in segno di ringraziamento verso la madre delle acque, per la sua generosità chiedendo contemporaneamente perdono per la negligenza dell’uomo e per l’inquinamento delle acque che sono fonte di vita per l’umanità.

5 Dicembre: compleanno di sua Maestà Bhumibol Adulyadej – Rama IX
Giornata di festa nazionale per celebrare l’amato Re Thailandese che per più anni consecutivi governa la nazione.

Non ci resta che augurarvi buon viaggio!!!

 

Perché Gli Assistenti Di Volo Accolgono I Passeggeri Con Le Mani Dietro Alla Schiena?

Se siete degli osservatori attenti forse lo avrete notato: quando si sale sull’aereo c’è sempre un membro dell’equipaggio di cabina che accoglie i passeggeri con portamento elegante, sguardo attento e mani dietro alla schiena.
Questo atteggiamento non ha solo a che vedere con l’etichetta a cui ogni assistente di volo che si rispetti si deve attenere, ma con una necessità pratica di cui molti passeggeri non sono minimamente a conoscenza…
Stare con le mani dietro alla schiena è qualcosa che hostess e steward fanno sempre al momento dell’imbarco e il motivo è semplicissimo…… Stanno contando il numero dei passeggeri che sale a bordo dell’aereo!

Una volta terminata la procedura d’imbarco, infatti, il numero registrato sull’apposito conta-passeggeri viene confrontato con il dato raccolto al momento del controllo dei passaporti in aeroporto. Questo viene fatto sia per motivi di sicurezza che per capire se tutti i passeggeri registrati per quel volo siano presenti o meno.

Il motivo della posizione delle braccia è che attira poco l’attenzione delle persone e, quindi, abbassa il rischio di distrarsi per via di una eventuale richiesta: il passeggero tende a rispondere al saluto e ad avviarsi verso il proprio posto a sedere.

SAN VALENTINO LE 5 CITTA’ PIU’ ROMANTICHE

San Valentino sta arrivando e voi non volete certo farvi trovare impreparati!

Che ne dite quest’anno di programmare un bel viaggio?
Se vi state domandando dove andare per stupire il vostro o la vostra partner questa è la lista delle 5 città più romantiche per San Valentino.
1) Gradara (PU) famosa per l’immortale episodio raccontato da Dante nella Divina Commedia, quello di Paolo e Francesca. I due innamorati morti per la loro passione. I due furono infatti scoperti l’uno nelle braccia dell’altro da Giangiotto, signore di Gradara, fratello di Paolo e marito di Francesca, che li uccise per gelosia. Il piccolo borgo medievale a pochi chilometri da Pesaro è il luogo perfetto per un weekend rilassato e tranquillo alla scoperta della campagna e della storia delle Marche.Dal 13 al 15 febbraio tutti i ristoranti di Gradara offrono menu speciali per coppie.
2) Bruges – Belgio è una delle città più belle e poetiche del Belgio. È patrimonio dell’UNESCO e, per via dei suggestivi canali e degli stupendi edifici del XV secolo perfettamente conservati, è anche chiamata la “Venezia del Nord”. Passeggiate per le tranquille vie del centro e noleggiate una barca per un giro nei canali e se manca ancora un po’ di dolcezza per sfiorare il diabete, abbuffatevi con il miglior cioccolato del mondo.
3) Teruel – Spagna San Valentino è celebrato ogni anno al “Mausoleo degli innamorati” di Teruel. Qui giacciono le statue di due amanti, Juan Diego Martínez de Marcilla e Isabel Segura, anche chiamati “gli amanti di Teruel”. La leggenda narra di come Diego e Isabel, che si amavano sin dalla tenera età, furono separati perché appartenenti a due classi sociali differenti. Diego partì per far fortuna e poter chiedere la mano di Isabel, ma quando tornò dopo 5 anni, Isabel era già sposata. Diego le chiese un ultimo bacio, ma Isabel per rispetto di suo marito rifiutò, e Diego morì all’istante con il cuore in frantumi. Isabel realizzò quanto aveva fatto, si avvicinò al corpo esanime di Diego, lo baciò e morì tra le sue braccia.
4) Vienna – Austria E’ la città dove è esposto “Il bacio” di Klimt è una delle mete romantiche preferite da tutti gli amanti in ogni angolo d’Europa.Se siete amanti dell’arte non può mancare una visita al museo del Palazzo Belvedere, dove sono esposte le opere di noti artisti quali Schiele, Kokoschka e soprattutto il famoso Bacio di Klimt.Una fuga romantica che si rispetti è sempre accompagnata da una cenetta gradevole, intima, che soddisfa i cuori e i palati. A Vienna non sarà difficile trovare un posto all’altezza delle vostre aspettative.
5) Lisbona la calda e colorata Lisbona è forse una meta non annoverata fra quelle più romantiche, ma a torto: ci sono tanti vicoli intricati dove camminare stretti stretti, sulle note di un Fado appassionato, verso la torre di Belem mangiando i famosi pasteis de Belém. Di dolcezza ce n’è a volontà.